Helidon Xhixha. Steel and stone. The Energy of Matter


Stampa

Le imponenti sculture di Helidon Xhixha (Durazzo, Albania, 1970) sono esposte a Forte dei Marmi, fino al 15 settembre, in una mostra a cielo aperto, curata da Beatrice Audrito, che si snoda tra il lungomare e le vie del centro della città, presentando un progetto realizzato sul territorio.

La mostra è patrocinata dal Comune di Forte dei Marmi e realizzata da IMAGO Art Strategies, con il contributo di Henraux S.p.A. e si configura come un percorso di sculture monumentali, realizzate in acciaio e marmo.

Helidon Xhixha, Iconic Column

Si può considerare un’indagine sulla luce nella sua interazione con la materia che Xhixha ha condotto in questi anni progettando imponenti sculture ed installazioni dalla superficie specchiante in acciaio inox, suo medium privilegiato e, più tardi, in marmo. Un materiale al quale l’artista si avvicina nel 2016 quando, spinto dalla volontà di confrontarsi con i grandi scultori del passato, realizza una mostra personale nella città di Pietrasanta sperimentando diverse tipologie di marmo provenienti dalle cave del monte Altissimo dell’azienda Henraux S.p.A.

Questa mostra pone in dialogo proprio questi due materiali apparentemente lontani: il marmo, un materiale nobile che nei secoli ha saputo raccontare la storia dell’arte attraverso i grandi artisti che lo hanno scolpito, e l’acciaio inossidabile, un materiale moderno che rappresenta il mondo tecnologico e industriale.

Forte dei Marmi, territorio d’incontro per eccellenza fra grandi artisti ed intellettuali ma anche luogo storicamente votato alla produzione artistica, ospiterà dodici sculture dell’artista, collocate all’interno di un percorso urbano fruibile a piedi o in bicicletta, per ammirarne i giochi di luce e di volume.

La visione e la tecnica innovativa di Xhixha si traducono in un’arte pubblica monumentale che ridefinisce il rapporto tra la scultura e l’ambiente circostante, ridefinendo i confini stessi della scultura contemporanea.

Share Button

Informazioni su Anselmo Villata

Caporedattore dell'Agenzia Stampa Verso l'Arte, iscritto all'Albo dei giornalisti dal 1999 (pochi giorni dopo il 18° compleanno). Presidente dell'Istituto Nazionale d'Arte Contemporanea, Curatore, Critico d'Arte, Saggista, Cultural manager e Cultural planner orientato alla promozione e alla valorizzazione dei Beni Culturali con un'ottica all'interdisciplinarità e alle collaborazioni internazionali.