Anni Albers. The prints


Stampa

Senza titolo

La Fondazione Sozzani di Milano organizza la mostra “Anni Albers. The prints” in collaborazione con il Musée des beaux Arts di Le Locle, Canton Neuchâtel, Svizzera, Alan Cristea Gallery, Londra, Regno Unito, The Josef and Anni Albers Foundation, Bethany, Connecticut, USA, visibile nella stessa sede della Fondazione fino al 3 settembre.
La mostra è dedicata alle opere su carta di Anni Albers (Annelise Fleischmann, 1899-1994), una delle maggiori artiste tessili e grafiche del Novecento.

Sono esposte trentuno opere tra litografie, incisioni, serigrafie, acquetinte, stampe su carta, realizzate dal 1969 al 1978, accompagnate da fotografie d’archivio.

Anni Albers si è formata in Germania al laboratorio tessile della scuola Bauhaus, che era allora uno dei pochi indirizzi di studio accessibili alle donne. Durante gli anni Venti del Novecento ha esplorato le possibilità offerte dalle nuove tecniche sperimentali e ha creato un mondo definito da astrazione e linearità, dove i motivi geometrici si uniscono mano a mano ai colori.

Continua la sua ricerca artistica al Black Mountain College negli Stati Uniti, dove emigra con il marito nel 1933, e nel 1949 è stata la prima artista tessile ad avere una mostra al Museum of Modern Art di New York.

Dal 1963 ha iniziato a esplorare varie tecniche come la stampa su seta, la litografia, l’acquatinta, l’incisione che le hanno permesso di approfondire la sua ricerca nell’astrazione.

La Albers negli anni Sessanta acquisisce quelle tecniche grafiche che le permettono di ottenere, attraverso la mediazione delle macchine e dei processi di stampa, effetti impossibili da raggiungere con la tessitura, la conquista di un nuovo regno espressivo.

La Fondazione Sozzani è un’istituzione culturale costituita a Milano da Carla Sozzani nel 2016 per la promozione della fotografia, della cultura, della moda e delle arti. Essa ha assunto il patronato della Galleria Carla Sozzani.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.