AGENZIA DI INFORMAZIONE DELLE ARTI

twitter bwlinkedin bwgoogle bwfacebook bw

Varlin. Dipingere la vita

Venerdì, 25 Marzo 2016

n. 3016

Varlin, pseudonimo di Willy Leopold Guggenheim (Zurigo, 1900 – Bondo 1977), pur avendo origini borghesi ebraiche, a causa delle persecuzioni razziali si trova a vivere nelle ristrettezze dopo le espropriazioni subite, almeno fino intorno agli anni Cinquanta quando comincia a riscuotere successo e riconoscimenti. Considerato uno fra i protagonisti più autentici della pittura del Novecento, gli viene dedicata una mostra a Palazzo Bentivoglio a Gualtieri, diventata sede permanente del Museo Ligabue, dove sono esposte da oggi e fino al prossimo 10 luglio 39 opere, di cui 33 dipinti e 6 disegni e tecniche miste su carta, che ripercorrono il percorso creativo dell’artista svizzero tra il 1940 e il 1973. La mostra è curata da Sandro Parmiggiani ed è realizzata in collaborazione con l’Archivio Varlin di Bondo (Svizzera). Pochi autori sono stati in grado di unire, nelle loro opere, l’arte e la vita esaminando anche personaggi miserabili, semplici, vagabondi. È questo che Varlin ritrae, sempre con ironia e con profonda pietà, attraverso un uso particolare del colore, steso su supporti (tele o tavole di legno) di cui talvolta lascia libere zone della superficie che diventano esse stesse fatto pittorico e grazie a una gestualità rapida e nervosa; tutte caratteristiche che lo…

Umberto Boccioni (1882-1916). Genio e memoria

Mercoledì, 23 Marzo 2016

n. 3015

Ricorrono quest’anno i cento anni dalla morte di Umberto Boccioni (1882-1916) e Milano celebra questo anniversario con una grande mostra dedicata all’artista del Futurismo, indiscusso protagonista dell’Avanguardia italiana, con la sua geniale soluzione nel rappresentare visivamente il movimento e le sua ricerca sul rapporto tra oggetto e spazio hanno influenzato fortemente le sorti della pittura e della scultura del XXI secolo.  Con questo obiettivo e grazie a un'inedita collaborazione tra il Castello Sforzesco, il Museo del Novecento, Palazzo Reale e quella scientifica dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, viene realizzata una mostra, da oggi 23 marzo al 10 luglio, nella sede di quest’ultima istituzione, che presenta 250 opere tra disegni, dipinti, sculture, incisioni, fotografie d’epoca, libri, riviste e documenti. Si tratta di un’occasione che permette di scoprire i più importanti dipinti e sculture dell’artista, ma anche dei principali protagonisti della cultura a lui contemporanea, insieme ad una eccezionale selezione di 61 disegni di Boccioni provenienti dal Castello Sforzesco di Milano. Ricca di novità, la mostra, curata da Francesca Rossi e Agostino Contò racconta il percorso artistico di Boccioni, la sua fama internazionale e la sua attività milanese, alla luce anche di inediti documenti riemersi. In mostra sono esposte opere provenienti da importanti istituzioni museali e collezioni private di tutto il mondo, tra cui la Pinacoteca di…

Severini. L'emozione e la regola

Lunedì, 21 Marzo 2016

n. 3014

Alla Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo, Parma, dal 19 marzo al 3 luglio è allestita una mostra monografica dedicata a Gino Severini (Cortona 1883 – Parigi 1966), nel cinquantenario della morte, che esplora le stagioni creative di Severini, dal Divisionismo al Futurismo, dal Cubismo al Classicismo, con 100 opere, delle quali 25 sono inedite in Italia. La mostra è curata di Daniela Fonti e Stefano Roffi e intende celebrare l’intera attività di Gino Severini, allievo di Giacomo Balla, non concentrandosi esclusivamente sul suo periodo di adesione al Futurismo e al Cubismo, cui sarebbero seguite, secondo alcune interpretazioni della critica, fasi interessanti ma non capitali per il linguaggio artistico del secolo XX. L’esposizione prende spunto dalla presenza di due importanti opere di Severini nella collezione permanente della Fondazione Magnani Rocca: la “Danseuse articulée” del 1915, capolavoro futurista, e “Natura morta con strumenti musicali”, della prima metà degli anni quaranta. circa Le circa cento opere esposte accanto a queste, consistono in dipinti e lavori su carta di dimensioni importanti, fra cui alcuni studi preparatori che integrano significativamente la sequenza delle opere su tela o tavola. Inoltre, sono venticinque le opere inedite, frutto di recenti scoperte, o mai esposte in Italia.…
A Venezia alle Gallerie dell’Accademia, domani 19 marzo,  si inaugura Aldo Manuzio. Il Rinascimento di Venezia, una grande mostra a cura di Guido Beltramini, Davide Gasparotto, Giulio Manieri Elia, che ripercorre attraverso oltre 100 capolavori provenienti da importanti musei italiani e stranieri e più di trenta rarissime edizioni stampate - tra la fine del XV e i primi anni del XVI secolo, il periodo d’oro che diede vita al Rinascimento di Venezia, che nel Cinquecento superava i 150mila abitanti e fu tra le più popolose e  ricche città dell’epoca, sia dal punto di vista artistico che economico.  È in questo periodo  storico che Venezia si afferma come fulcro  tra l’Oriente e l’Occidente, dove  si mescolano culture  e tradizioni, linguaggi espressivi quali:  incisione, pittura, scultura, arte suntuaria, cartografia sino alla stampa, con alcuni esemplari di rara bellezza e grandissimo valore attribuiti al grande Aldo Manuzio, con le edizioni miniate in arrivo da Manchester o il rarissimo Aristotele del 1496 in prestito dalle collezioni dell’Escorial.   La mostra presenta la storia  di Aldus Pius Manutius ( Aldo Manuzio, Bassiano,Latina 1449 circa – Venezia 1515), uno dei maggiori editori di tutti i tempi, e tra i primi in Europa. Grazie a lui furono…
Le opere di una sessantina di artisti compongono la mostra “Felicità e facilità della poesia visiva italiana” curata da Adriano Accattino e Lorena Giuranna ed esposta al Museo della Carale di Ivrea fino al 17 aprile prossimo, nella quale sono presentate opere, mai esposte al museo, degli anni '50, ’60, ’70, decenni di grande fortuna per la Poesia sperimentale e visiva. Gli artisti sono: Vincenzo Accame, Luciana Arbizzani, Nanni Balestrini, Vittore Baroni, Dino Bedino, Carlo Belloli, Mirella Bentivoglio, Gianni Bertini, Carla Bertola, Tomaso Binga, Irma Blank, Anna Boschi, Antonino Bove, Enrico Bugli, Ugo Carrega, Luciano Caruso, Tullio Catalano, Guglielmo Achille Cavellini, Giuseppe Chiari, Roberto Comini, Silvio Craia, Betty Danon, Mario Diacono, Chiara Diamantini, Maria Pia Fanna Roncoroni, Fernanda Fedi, Giovanni Fontana, Kiki Franceschi, Gino Gini, Michele Lambo, Ugo Locatelli, Daniele Lombardi, Arrigo Lora Totino, Roberto Malquori, Mauro Manfredi, Federica Manfredini, Lucia Marcucci, Stelio Maria Martini, Plinio Mesciulam, Eugenio Miccini, Miles, Giulia Niccolai, Anna Oberto, Martino Oberto, Luciano Ori, Maurizio Osti, Claudio Parmiggiani, Luca Patella, Michele Perfetti, Lamberto Pignotti, Vitantonio Russo, Sarenco, Gianni Emilio Simonetti, Berty Skuber, Adriano Spatola, Franco Spena, Rodolfo Vitone, William Xerra. Per visitare la mostra con una giusta chiave di lettura, bisogna prima capire perché “Felicità” e “Facilità”. Innanzitutto per…
Pagina 6 di 133