Flashback, l’arte è tutta contemporanea. VIII edizione


Stampa

In questa edizione, Flashback si trasforma, grazie alla decisione di tutti, in una fiera diffusa nelle Gallerie Flashback di Torino, poiché “il mondo è fatto di relazioni, siamo tutti interconnessi. Questa, anche se ci fa sentire fragili, è la chiave per superare la crisi”. Infatti, tutti gli espositori affermano coesi: “Abbiamo deciso tutti insieme, con responsabilità e coerenti allo spirito di rete che anima la manifestazione, di trasformarci a causa dei rischi dovuti all’emergenza Covid.”
Con lo stesso spirito di rete le gallerie torinesi di Flashback hanno offerto di ospitare, nei loro spazi, le opere delle gallerie provenienti da fuori Torino.
Siamo fiere di aver condiviso una scelta così importante con tutti gli espositori, e di annunciare che, benché la fiera nella sua edizione al Pala Alpitour di Torino, sia rimandata a novembre 2021, dichiarano le direttrici Ginevra Pucci e Stefania Poddighe, tutte le gallerie di Flashback avranno il loro spazio nell’Art Week torinese.

Piero Dorazio, Umbrae III, 1976, olio su tela cm 64×81, Tornabuoni Arte, Firenze

È così che Ludens (titolo dell’edizione 2020), riferito alla capacità di ciascun individuo di riplasmare la realtà attraverso la creatività, è quanto mai coerente con la scelta di riplasmare questa edizione 2020.
Continua dunque l’avventura di Flashback aperta fino al 7 marzo 2021 tramite viewing rooms, pagine dedicate alle gallerie e molto altro ancora.
Continuano anche gli appuntamenti di Opera Viva il manifesto, progetto ideato da Alessandro Bulgini e curato da Christian Caliandro, nello spazio aperto di piazza Bottesini a Torino. Il prossimo svelamento del manifesto d’arte 6×3 è in programma il 30 ottobre.

Share Button