Shedding all the dead wood


Stampa

My mother won’t stop smoking, Leonardo Pellicanò

Da oggi e fino al 9 marzo prossimo, alla Fondazione Adolfo Pini di Milano è allestita la prima mostra personale a Milano di Leonardo Pellicanò (Roma, 1994), che raccoglie i nuovi lavori pittorici del giovane artista, realizzati negli ultimi mesi tra Milano, Roma e Bruxelles.

Con questa nuova mostra la Fondazione prosegue il proprio percorso dedicato all’arte contemporanea, sotto la guida di Adrian Paci, con l’obiettivo di porsi quale luogo di incontro e valorizzazione della scena dell’arte giovanile nazionale e internazionale a Milano.

Quello proposto da Pellicanò è un viaggio nell’alterità, un viaggio dove la dimensione intima si fonde con l’esplorazione di luoghi archetipici: nelle opere esposte all’interno della galleria al piano terra della Fondazione Adolfo Pini, l’artista si manifesta come un cacciatore che si aggira all’interno di territori sconosciuti, che appaiono ora rassicuranti come un giardino dell’Eden pieno di risorse, ora come un buio sottobosco in cui ci si smarrisce. Shedding all the dead wood è un percorso che si snoda in un territorio metaforico, dove gli scenari onirici e narrativi rappresentati nei dipinti alludono a luoghi e spazi altri, con la sottostante idea di un paesaggio naturale non intaccato dalla civiltà. L’opera è attraversata dalla presenza dell’artista, centro focale della visione e soggetto nomade all’interno del mondo da lui generato. Dai dipinti di Pellicanò emerge l’atmosfera triviale dei quadri raffiguranti scene di caccia, investite di una propria intima e specifica carica emotiva. È una grande messa in scena che agisce come metafora del processo stesso della creazione artistica.

Osservando i lavori di Pellicanò, si percepisce un continuo contrasto tra un dramma sottostante e un atteggiamento ironico, beffardo e celebrativo, si avverte una lieta amarezza in questa giocosità, dove l’ideale romantico è spesso ridicolizzato. Nel dipinto “Sunrise/Sunset” ad esempio, un levriero, nobile cane da caccia, rivestito da un’armatura dorata, salta speranzoso verso l’orizzonte. Nella superficie del legno sottostante, emerge un ammasso informe di corpi animali, un presagio di una possibile catastrofe.

Pellicanò utilizza il medium pittorico con serietà e distacco, mettendolo continuamente in discussione con sperimentazioni tramite la pratica del collage, dello spray e l’utilizzo di materiali di recupero. Ad esempio, Il dipinto “My mother won’t stop smoking” si presenta come una effigie della madre, un ritratto generato da un’immagine assente. Presentato tramite un display rudimentale, esso richiama l’idea di uno scenario naturalistico. Le fantasie dei luoghi evocati sono infatti presenti nel materiale stesso delle opere, che si aprono nello spazio in un intreccio di silenziose intese.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Notice: Undefined index: rerror in /web/htdocs/agenzia.versolarte.it/home/News/wp-content/plugins/wp-recaptcha-bp/recaptcha.php on line 300